“La cosa vergognosa è aver strumentalizzato dei bambini per un pugno di voti. Oscurando il lavoro straordinario di tante persone che hanno garantito la riapertura”. Renzo Ronconi, giovane dirigente (è al suo primo incarico) della primaria Maria Mazzini di Genova, non ci sta a fare da capro espiatorio. In piedi sulla scala d’ingresso, spalleggiato da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Quarantena breve e treni, il Cts sceglie la “prudenza”

prev
Articolo Successivo

B. ha imparato la lezione Briatore&C. no

next