Luca Palamara ritiene di non poter essere processato, a livello disciplinare, dall’attuale Csm, convinto che i consiglieri, compresi quelli del collegio, abbiano espresso pre-giudizi. Per questo, ieri ha provato a ottenere la rimessione del processo in Cassazione affinché, a sua volta, potesse rivolgersi alla Corte costituzionale dato che, secondo la normativa attuale, non è possibile […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Staderini: “Diritti violati”. Brindano solo gli avvocati

prev
Articolo Successivo

Permesso premio al mandante dell’omicidio Livatino. Il cugino del giudice: “È un segnale”

next