Non possiamo dimenticare. Troppo atroce, troppo vile, troppo ingiusto l’assassinio di Willy Monteiro Duarte. Ha ragione Enrico Fierro (Il Fatto, 13.09). Ai funerali di Willy le bare erano due, quella di Willy e quella invisibile ai nostri occhi che “raccoglie le spoglie della nostra civiltà. Ci dice chi siamo oggi. Quale morbo è cresciuto nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

ScuolaPrecari da troppo tempo per i concorsi della discordia

prev
Articolo Successivo

In classe Il vero assembramento è quello delle cazzate (dei politici)

next