Si definisce un “disobbediente civile non violento”, in linea con la filosofia del movimento di cui fa parte, Extinction Rebellion, nato a Londra e ormai diffuso in tutto il mondo (in Italia ad oggi ci sono trenta gruppi locali). Per protestare contro l’inazione del Comune della sua città, Bologna, che non ha dato alcun seguito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Ratched”, l’Angelo Ombra capace di trasformarsi in Eroina

prev
Articolo Successivo

Fango, depistaggi e 007: “Io, reporter del Financial Times. Così ho fatto crollare Wirecard”

next