“Mi hanno contestato anche il conto aperto a Centemero, quello per le elezioni”. È il 22 maggio quando le parole di Marco Ghilardi ex direttore della filiale Ubi a Seriate (Bergamo) vengono intercettate dalla Guardia di finanza di Milano che indaga sull’affare Film Commission. E subito arriva una novità: il conto riferibile al tesoriere della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Uccide la sorella fidanzata con un trans: “È infettata”

prev
Articolo Successivo

Il teste sul commercialista Scillieri: la società di Panama è “riferibile” a lui

next