Chissà se questa sarà la volta buona. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha scritto alla Camera e al Senato per dare il via libera alla declassificazione degli atti conservati nei loro archivi, ma non divulgabili perché ancora ritenuti top secret dalle amministrazioni dello Stato, servizi segreti compresi, che li hanno prodotti. Un vincolo che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La foga anti-Stato di Panebianco (che dimentica i predatori privati)

prev
Articolo Successivo

Ecco chi salva la norma sugli 007

next