“Finiremo come il Venezuela”. “Esproprio modello Chavez”. Sono commenti che riaffiorano in Italia ogni volta che si profila un maggiore ruolo dello Stato in economia. Il riflesso condizionato anti-Stato si è riproposto inevitabilmente a margine della recente vicenda di Autostrade per l’Italia. Il paragone con il Venezuela di Hugo Chavez oramai è talmente frequente che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“La soluzione per Autostrade è un segnale anche per l’Europa”

prev
Articolo Successivo

Nuovo governo, nuovi epurati: e la riforma Rai può attendere

next