“Pensano che siamo strani” chiede lui. “Ti dà fastidio?” Risponde lei. Attraverso un teaser trailer scarno di battute ma sufficienti a tracciare i territori umani al centro del racconto, arriva l’annuncio della programmazione ottobrina di We Are Who We Are, l’atteso esordio di Luca Guadagnino nella serialità televisiva. Ricca di produttori deluxe (Mieli e Gianani […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Musulmani senza cliché in “Ramy”

prev
Articolo Successivo

Se la letteratura può assolvere una vita bruciata

next