Ergastolo. Questa è la richiesta di pena per Giuseppe Graviano (il boss siciliano già condannato per le stragi del 1992 in Sicilia e del 1993 a Milano e Firenze oltre che per gli attentati di Roma) e per il calabrese Rocco Santo Filippone, ritenuto un uomo della cosca Piromalli che domina il Tirreno calabrese. Si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Confusione Gedi: quello scoop è vostro!

prev
Articolo Successivo

“Lo Stato non si è fermato. E non deve fermarsi adesso”

next