Alla fine Cosimo Ferri si è arreso. Per evitare una pesante sanzione dell’Associazione nazionale magistrati, o magari l’espulsione, si è dimesso dal sindacato delle toghe. Il deputato renziano, magistrato in aspettativa di lungo corso ma dominus delle nomine del Csm, eguagliato negli ultimi anni dal collega e alleato Luca Palamara, ha presentato le dimissioni con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Doris: leale, genio e pure bel sorriso

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Mora

next