Durante il lockdown dovuto alla pandemia il consumo di Internet e l’utilizzo dell’economia digitale sono aumentati a doppia o tripla cifra. Un fenomeno che ha mostrato la vera dimensione del digital divide, il divario tra la parte ricca del mondo che vive connessa al web e i 3,5 miliardi di persone che non possono accedere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ci vuole orecchio. Ho visto un re senza trono, ma più simpatico. Il suo nome è Jannacci Enzo

prev
Articolo Successivo

“Negazionisti e multinazionali: solo la paura cambia i comportamenti”

next