Oltre 1 milione di dati sensibili di clienti trafugati dal portale della Tim, e rivenduti a gestori di call center, anche di compagnie concorrenti. L’inchiesta “Data Room” della Procura di Roma e nel centro anticrimine informatico della polizia postale ha portato all’arresto di 13 persone, altri 7 con l’obbligo di dimora, accusati di acquisizione indebita […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I parenti delle vittime Thyssen al governo: “Beffati dai tedeschi, vogliamo chiarezza”

prev
Articolo Successivo

Liguria, giochi quasi fatti: Renzi blocca Sansa

next