Il sindaco di Milano, Beppe Sala, ha rilanciato la richiesta di porre fine allo smart working massivo. Le ragioni politiche sono facilmente intuibili: Milano – tra le metropoli la più colpita dal virus e dal lockdown – è un enorme centro di servizi e ancora oggi le grandi aree che raccolgono società e uffici sono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Salvini Confonde la popolarità (da macchietta) con la politica

prev
Articolo Successivo

Mail box

next