Uno non vale uno e lo hanno capito anche nel Movimento 5 Stelle. Il passaggio di Alessandra Riccardi dai banchi pentastellati a quelli della Lega al Senato è un guaio grosso. E non solo perché destinato ad assottigliare i numeri già esigui della maggioranza a Palazzo Madama dove ogni voto è già un’incognita. Ma il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Al Senato si balla: addio maggioranza assoluta

prev
Articolo Successivo

Natangelo

next