Le comunicazioni telefoniche acquisite dalla Procura di Perugia nel “caso Palamara” squadernano un groviglio di manovre e baratti (per molti un “suk”) sulle nomine di competenza del Csm. Devastanti gli effetti. C’è persino chi evoca con nostalgia il presidente Cossiga che trattava il Csm a colpi di carabinieri spediti in piazza Indipendenza; o chi definisce […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il gatto dei Benetton, tre amici al bar e quello scemo di Leonardo

prev
Articolo Successivo

La feroce nemesi del Covid-19 sugli stereotipi di Beppe Sala

next