Protestano i cassintegrati che ancora aspettano la cassa integrazione e rumoreggiano gli imprenditori, specie piccoli e medi, che combattono con le banche per avere i prestiti garantiti dal governo. Scendono in piazza gli infermieri a Torino, i ristoratori nei giorni scorsi un po’ ovunque, operatori del turismo, maestri presepiai e altre categorie a Napoli, i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Lo zombie del Covid-19

prev
Articolo Successivo

Inail: “In tre mesi 43.399 infortuni da contagio, 171 mortali. Quasi la metà dalla Lombardia”

next