“Basta con il Partito della responsabilità”. Il nuovo corso del Pd post-Covid si può riassumere con questa specie di auto-esortazione collettiva che risuona tra le stanze del Nazareno e i palazzi della politica che lentamente si ripopolano. E l’Alfiere di sfondamento è il vicesegretario, Andrea Orlando. Che giovedì s’è preso l’onere e l’onore di attaccare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La task force non scova balle, ma stila linee guida per capirle

prev
Articolo Successivo

Come educare l’algoritmo

next