Siamo nel mezzo di una rivoluzione che non ha precedenti, la rivoluzione digitale: i Big Data e l’Intelligenza Artificiale. Rivoluzione in parte culturale (ma i bit faranno molto più di quanto i caratteri mobili di Gutenberg abbiano fatto in 565 anni, in termini di spostamento degli equilibri del potere, di accesso alla conoscenza e del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Il Pd cambia fase: “Basta essere responsabili”

prev
Articolo Successivo

Per il turismo è il tracollo: presenze al livello del 1978

next