I suoi album precedenti, Lorem ipsum (2015) e Il lupo cattivo (2017) apparvero come due ufo nel firmamento musicale italico. Era materiale fuori dagli schemi, dalle mode, dalle tendenze, da tutte quelle regole e regolette che definiscono o tentano di definire gli algoritmi del successo, sia esso di massa , di nicchia o modestamente condominiale. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Dark Polo Gang, essere cattivi è solo un gioco

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Beppe Mora

next