La malaria contratta due volte, gli spostamenti a piedi tra Kenya e Somalia e “Aisha” come nome scelto da prigioniera. Sono i dettagli dei 536 giorni del rapimento di Silvia Romano, la volontaria milanese liberata 48 ore fa. Ieri alle 14 è atterrata all’aeroporto di Ciampino con un volo militare diretto da Mogadiscio, capitale della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Addio ferie: il Parlamento teme un’altra estate in aula

prev
Articolo Successivo

Dalla rete di informatori che il mondo ci invidia alla Turchia: così è stata salvata

next