Agli inizi di febbraio, a poche settimane dalle nomine, Davide Casaleggio ha incontrato Claudio Descalzi, l’amministratore delegato di Eni, considerato dai Cinque Stelle una sorta di impresentabile, finché (quasi) all’unisono non s’è deciso di rinnovargli il mandato alla guida della multinazionale del petrolio, il terzo in carriera. Eni colloca l’appuntamento a “ridosso” dell’evento aziendale di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Allenatevi, ma da soli”: la Serie A senza pallone

prev
Articolo Successivo

Mr Orwell, la colf di Arcuri

next