È una app di contact tracing problematica, che nasce in un modo ma arriva in un altro, che dall’essere volontaria potrebbe trasformarsi nella condizione per poter godere di alcune libertà, come quella alla circolazione, con l’obiettivo di spingere il maggior numero possibile di persone a scaricarla (perché sia utile deve raggiungere il 60% degli italiani). […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

L’infettivologo Galli (ospedale Sacco): “Il 4 maggio è troppo presto. Il test del governo è inadatto”

prev
Articolo Successivo

Nomine, al mercato delle poltrone tanti ex e poche sorprese

next