Un negoziato serrato sul piano esterno e un fronte interno sempre più complicato. Per il premier Giuseppe Conte la trattativa europea è una via crucis destinata ad andare oltre la Pasqua. Un impegno che non si fermerà neanche in questi giorni, in vista della riunione del Consiglio del 23 aprile. I contatti con le altre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Reazione alla destra. Inopportuna o no?

prev
Articolo Successivo

Aiuti Ue, l’ambasciatore tedesco in Italia: “Niente eurobond, ci vorrebbero mesi o anni. Ma è nostro interesse aiutarvi”

next