Il sole fa male a Glasgow. A metà luglio, quindici gradi per gli autoctoni sono già troppi e insopportabili. “E poi Glasgow non era abituata a queste temperature, in qualche modo non le si addicevano. Il sole implacabile metteva a nudo la città com’era – niente nuvole e pioggerella a indorare la pillola. Il sole […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La natura è più forte di un giardino incolto

prev
Articolo Successivo

Salvini va al potere nella nuova fattoria degli animali versione sovranista

next