Calato il sipario, è tempo di primi bilanci: impietosi. A poco più di un mese dalla chiusura alla spicciolata dei teatri italiani, si sono già persi 150 milioni di euro, una stima largamente per difetto. La prosa. Le valutazioni a spanne le abbiamo fatte con Federvivo, la federazione che, in seno all’Agis, raccoglie tutto il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il dilemma veronese: Scarpia, Scarpìa oppure… Scampìa?

prev
Articolo Successivo

Poco visibili, ma fondamentali: l’appello per gli “intermittenti”

next