Sono anni ormai che l’Italia si muove in Europa come un elefante in un negozio di porcellane. Dalla crisi dell’euro, i responsabili europei si sono sempre voltati dall’altro lato per non vedere la crescente frammentazione della zona euro, di cui l’Italia è l’epicentro. Fingono di ignorare i numeri imbarazzanti che riguardano la terza economia dell’Unione, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Notte densa e disperata sul mondo”: la Settimana Santa senza processioni

prev
Articolo Successivo

Dall’Elba alle Eolie, terrore del contagio nelle isole minori

next