C’è del marcio in Islanda. Un serial killer va in giro per Reykjavík e dintorni ad ammazzare la gente a coltellate e a cavar loro gli occhi. Kata e Arnar, gli investigatori incaricati del caso, scoprono che tutte le vittime hanno qualcosa in comune: trent’anni prima erano educatori alla Valhalla, una casa di accoglienza per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’uomo è invisibile, ma la donna ci vede benissimo

prev
Articolo Successivo

“Freud”, pillole di psicoanalisi in un (inutile) bagno di sangue

next