C’è una liturgia che si compie fuori, dietro i vetri delle finestre, oltre gli scuri. Siamo finiti nell’immane privazione, eppure, fuori di noi – quasi fosse uno Spirito superiore a sussultare nella pietosa misericordia, a indicarci con il dito (che chiameremo persino salvezza) un inedito procedere – si sgrana un rosario di equilibri ristabiliti e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Virus, la scienza non è innocente

prev
Articolo Successivo

Bisogna fermare

next