Chissà se è davvero un buon momento per scrivere, e soprattutto per leggere, come ci ripetono tutti chiamando a testimoni Boccaccio, De Maistre, Manzoni, Camus, Saramago (ma Il Decameron venne iniziato un anno dopo la fine della peste di Firenze). Lo abbiamo chiesto a Franco Cordelli, scrittore e critico senza soluzione di continuità (i suoi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Ci si scopre idraulici e la nonna usa Skype per fare ginnastica

prev
Articolo Successivo

La svolta di Trump: lo Stato salverà tutte le grandi aziende

next