Era al suo ultimo anno di lavoro, poi sarebbe andata in pensione. Vincenza Amato, infettivologa, era medico dirigente dell’Ats di Bergamo, dipartimento di igiene e prevenzione sanitaria. Il coronavirus l’ha stroncata all’ospedale di Romano di Lombardia, dove era ricoverata. È una delle ultime vittime tra i camici bianchi: salite a 33, da quando è esplosa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Gallera, il Signor Andrà-Tutto-Bene (almeno per lui)

prev
Articolo Successivo

Ecco i test del sangue: più economici e rapidi dei tamponi

next