La crisi più difficile del dopoguerra finirà “ben prima del 31 luglio”, promette il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Prima della scadenza dello stato di emergenza proclamato lo scorso gennaio dal Consiglio dei ministri, una data citata nelle bozze del nuovo decreto varato ieri dal governo, che per qualche ora impressiona l’Italia. “Ma l’emergenza non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Testatina

prev
Articolo Successivo

Modello Codogno: ora tracciare malati “strada per strada”

next