“Servono responsabilità condivise, ricette magiche non ce ne sono”. Il sindaco di Codogno, Francesco Passerini, per primo ha vissuto la devastazione di SarsCov2. A 33 giorni da quel 21 febbraio, la sua città ieri è arrivata al traguardo di zero nuovi contagi in 24 ore. Dopo Wuhan, ecco il modello Codogno per dare sostanza alle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Quarantena, fino a 5 anni di carcere per chi sgarra

prev
Articolo Successivo

Coronavirus a Shanghai, tra Termoscan e QRCode così si torna alla vita

next