Pieni poteri e all’infinito: un mandato da onnipotente senza data di scadenza. È quello che chiede Viktor Orbán. Con l’alibi del contenimento del contagio Covid-19 il premier vuole il permesso di dominare per sempre. Il disegno di legge ieri ha avuto uno stop: la maggioranza ha raccolto 137 voti, contro i 52 dell’opposizione. Per l’urgenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Cuba, l’embargo che stritola. Senza cibo e benzina, vivere in fila è la regola

prev
Articolo Successivo

Egitto: Zaky, slitta l’udienza. Altri sette giorni di calvario

next