“Hay pollo”. C’è il pollo. La notizia si diffonde nel quartiere col passaparola. E bisogna fare in fretta perché di solito il rifornimento è limitato e la richiesta grande. Infatti di fronte al negozio di alimentari dove è arrivato il pollame surgelato si addensa una coda di varie decine di persone. Qualcuno ha una mascherina, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Lucia Bosè, l’ultima diva da Picasso ad Antonioni

prev
Articolo Successivo

Un Orbán (può essere) per sempre

next