La piattaforma più usata per raccogliere fondi a beneficio di medici e ospedali in Italia, GoFundMe, ha tre giorni di tempo per smetterla di caricare commissioni poco trasparenti ai donatori. Oppure rischia una multa fino a 5milioni di euro. Lo ha stabilito ieri l’Autorità Antitrust dopo la denuncia del Fatto Quotidiano di una settimana fa. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La “pigrizia” di aiuti della Chiesa cattolica

prev
Articolo Successivo

Coronavirus, 34enne morto: lavorava al call center “pollaio”

next