Ecco, hai finito di leggere. Riponi sul tavolo il libro di Brera (saggio, romanzo, concerto, memorie, premonizioni?) e non sai se sei stato nel prima o nel dopo di una vita, o in avanti o all’indietro nel flusso del tempo. Non sai se quel Philip Wade che fa da guida quando cominci a leggere, sia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Col virus, ecco la Quaresima di Pasqua. Ma la Chiesa è in silenzio e Dio è morto

prev
Articolo Successivo

La pubblicità non mi entra mai in testa

next