Steven Spielberg è cresciuto leggendo Amazing Stories, la prima rivista in lingua inglese di fantascienza pubblicata negli Stati Uniti dal 1926 al 2005. Quando negli anni Ottanta ideò una serie tv fantascientifica gli parve naturale darle lo stesso titolo. Si trattava di una serie antologica e Spielberg, che girò due episodi, riuscì a coinvolgere grandi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Joel senza Ethan: Coen senior firmerà da solo “Macbeth”

prev
Articolo Successivo

Modiano, il Cechov minore: il suo “Gabbiano” è “scialbo e misero”

next