Più che a una cabina di regia assomiglia a un tavolo da poker (peraltro virtuale) il “gruppo” che sta lavorando alla sostituzione di Giuseppe Conte. Matteo Renzi e Matteo Salvini, che hanno in comune tendenza ad esagerare, tempismo non proprio azzeccatissimo, attitudine ad accentrare, tra un bluff e l’altro sembrano essere arrivati a un punto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Terrore: Scalfarotto minaccia l’addio

next