Tre cellulari che non usava quasi mai. Li lasciava in posti diversi, per non essere intercettato e soprattutto per non essere geolocalizzato. Per parlare preferiva quelli dei suoi collaboratori, per essere sicuro di poter sfuggire a ogni controllo. Servivano a questo, gli uomini dello staff, secondo la ricostruzione della Procura della Repubblica di Pescara: aveva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La pandemia mondiale? Sono i morti sulle strade

prev
Articolo Successivo

Gli aiuti allo sviluppo aiutano pure i politici corrotti a rubare

next