C’è sempre qualcuno alle nostre manifestazioni, a Milano come a Roma. Anche l’ultima volta alla presentazione del libro dei genitori di Giulio Regeni ho notato che c’erano persone che ci osservavano. Questi però non li conoscevo. Facce nuove”. Ahmed, il nome è di fantasia, è un ragazzo egiziano, vive da diversi anni nel capoluogo meneghino […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Le regioni allergiche al “distanziometro”

prev
Articolo Successivo

A un anno dal golpe “Venezuela, Guaidó non convince più”

next