Una guerra di mafia a Ostia, scongiurata dalla mediazione di due boss. Da una parte Salvatore Casamonica, referente dell’omonima famiglia Sinti e oggi detenuto al 41-bis, dall’altra Fabrizio Piscitelli, alias Diabolik, l’ultrà della Lazio ucciso lo scorso 7 agosto al parco degli Acquedotti, con un colpo di pistola alla testa. Tra i due ambasciatori, c’è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Mail Box

prev
Articolo Successivo

Lodi, gli operai: “Non controllammo sul posto se lo scambio fosse chiuso”

next