L’incipit è curiosamente simile a un fatto di cronaca di qualche giorno fa. Dalla biblioteca di Oxford è scomparso un libro che tutti vorrebbero possedere: nella realtà si tratta di un frammento del Vangelo di Marco, nella serie di un potente manoscritto stregato. Ma le coincidenze si fermano qui perché la storia raccontata in A […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Caro vecchio pazzo “Re Lear”

prev
Articolo Successivo

Paolo Taviani si dà a Pirandello (Per la prima volta da solo)

next