Non ci sono elementi evidenti per sostenere che la morte di Vakhtang Enukidze, il migrante georgiano di 38 anni ospite del Cpr di Gradisca deceduto il 18 gennaio, sia stata causata da percosse. E’ quanto emerso dall’autopsia effettuata ieri a Gorizia. “Si può escludere che ci siano state lesioni traumatiche importanti tali da poter essere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Le bici e l’affarone da 600 mila euro del legale di Montante

prev
Articolo Successivo

Il lungo martirio dell’Università

next