Il documento dell’Organizzazione mondiale della sanità del 26 gennaio è di nove pagine. Nella prima, c’è una postilla al punto tre, scritta sul fondo in piccolo: l’Oms ammette di di aver sbagliato la valutazione sul Coronavirus; il rischio globale è “elevato”, mentre nei suoi precedenti rapporti lo definiva “moderato”. La correzione significa che è stata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Rui Pinto, l’hacker dei Football leaks inguaia anche la figlia dell’ex presidente dell’Angola

prev
Articolo Successivo

Sars, quando il Dragone sottovalutò il pericolo

next