Sergio Stokar, per una circostanza misteriosa, ha perso la memoria ed è finito a vivere alle Zattere, “città” invisibile di migranti irregolari aggrappata a una ricca città del Nord-Est. Un agglomerato che si autogoverna con regole proprie, in un vero regime autarchico. Hanno un ospedale, un mercato, il bar, il barbiere, tante altre cose e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Il consenso spiegato ai bimbi (con i toni del gioco)

prev
Articolo Successivo

L’addio di Simone e quel che dice a tutti sul lavoro rimasto solo

next