Ci sono volute tre esplosioni per convincere ArcelorMittal a fare marcia indietro e annullare il trasferimento della produzione dall’acciaieria 1 all’acciaieria 2 dell’ex Ilva di Taranto. Gli avvertimenti lanciati dai sindacati sul cattivo stato in cui si trova quest’ultimo impianto non erano bastati alla multinazionale che, però, ha dovuto fare dietrofront dopo le tre deflagrazioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La “craxata” a favore di Ligresti: Eni danneggiata e soldi in tasca

prev
Articolo Successivo

Così il Pd aiuta. Singapore a prendersi il porto ligure

next