Il caffè e i pasticcini sono sul tavolo, i cronisti e le telecamere tutti attorno. Così, nel bar di un albergo nel cuore di Berlino, Giuseppe Conte e Luigi Di Maio non possono che sorridere, e il presidente del Consiglio prova la battuta: “Vedete? Stiamo litigando”. Ma non litigano il premier e il suo ministro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Berlino, intesa Sarraj-Haftar. In Libia una tregua “vigilata”

prev
Articolo Successivo

Craxi, il verdetto dei pellegrini ad Hammamet cancella Tangentopoli e la Storia

next