Era iniziata sotto i peggiori auspici la Conferenza di Berlino. Alla vigilia dei lavori, la chiusura dei maggiori terminal petroliferi libici nell’Est della Libia e le notizie sul bombardamento aereo di Abugrein, non lontano da Misurata, da parte del sedicente Esercito nazionale libico sotto il comando del generale Khalifa Haftar avevano lasciato tutti con il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La cattiveria

prev
Articolo Successivo

Tra Russia e Turchia Conte si aggrappa agli Usa

next