Chi pensava che il vertice a Mosca, presenti Khalifa Haftar e Fayez al Serraj sotto la tutela interessata di Russia e Turchia fosse il punto di svolta, ieri mattina, si è dovuto ricredere. Vladimir Putin non ha ancora messo le mani sul “mare nostrum”, ma ha dovuto invece prendere atto della partenza da Mosca del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Italia Viva, Pd e toghe: quelle riunioni per decidere i vertici dei magistrati

prev
Articolo Successivo

Le pressioni europee sull’accordo nucleare

next