Si esce commossi e indignati dalla proiezione di Sorry We Missed You, un film che, come tutte le opere di Ken Loach, è capace di elevare una piccola storia privata a livello di tragedia universale. Il film racconta la condizione umana e familiare di un lavoratore incappato nella morsa della gig economy, che riporta indietro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Attaccò Gratteri, Lupacchini rischia il posto

prev
Articolo Successivo

C’era bisogno dell’agiografia di San Bettino?

next